Home / Gossip / Claudia Galanti all’Isola dei Famosi: “L’ho fatto solo per soldi”

Claudia Galanti all’Isola dei Famosi: “L’ho fatto solo per soldi”

claudia-galanti-instagramClaudia Galanti sarà una delle prossime naufraghe dell’Isola dei Famosi, che andrà in onda il 9 marzo su Canale 5. La modella ha rilasciato un’intervista a Chi dove ha spiegato di aver accettato la proposta per necessità economiche. Ecco le dichiarazioni di Claudia Galanti: “Perché torno all’Isola dei famosi? Perché ne ho bisogno. Lo faccio perché non ho più le spalle coperte. Lo faccio perché è necessario. Lo faccio per i miei figli. Insomma, lo faccio per soldi. All’inizio quando mi è arrivata la proposta, il mio è stato un no. Poi sono tornata a casa e ho ripensato ai miei ultimi mesi. Mesi vissuti in guerra, con il coltello tra i denti. Piangevo tutte le sere prima di andare a letto, prima di addormentare i miei figli. Poi è arrivata la riflessione, ho guardato in faccia la mia nuova realtà che non è fatta di ricchezza, ma di sopravvivenza e ho capito che l’Isola era un’opportunità. E poi in Italia la tv è stata il mio lavoro. Io devo dare da mangiare ai miei figli e provare a garantire loro i migliori studi, le migliori scuole. Con o senza l’aiuto del loro padre”. La Galanti spera di poter superare anche il trauma dovuto alla perdita della sua piccola Indila, venuta a mancare nel dicembre 2014: “Dopo la morte di Indila speravo nella risalita. Ma Arnaud è stato arrestato e io sono finita in clinica. Poi ho messo i miei due figli Liam e Tal al centro del mondo. E se il mondo bussa alla mia porta offrendomi l’opportunità di guadagnare qualche soldo per la mia famiglia non mi tiro indietro e mi tuffo in questa nuova avventura”. Claudia ha spiegato che non la spaventa l’idea di privarsi del cibo: “Nella mia vita sono passata dalla ricchezza assoluta a fasi di miseria assurda. Ho dovuto sopravvivere e non è stato facile. Tutti pensano che la mia vita sia stata sempre rose e fiori, ma pochi sanno che ho iniziato lavorando in fabbrica a Miami: riparavo telefonini americani guasti che poi venivano mandati in Sudamerica. Mettetemi alla prova: datemi un cellulare rotto e vedrete”.

About Lullaby