Home / Gossip / News Gossip, Biagio Antonacci per la prima volta parla della sua ex Marianna Morandi, figlia di Gianni Morandi

News Gossip, Biagio Antonacci per la prima volta parla della sua ex Marianna Morandi, figlia di Gianni Morandi

biagio-antonacciBiagio Antonacci di recente ha rilasciato un’intervista al settimanale Vanity Fair dove ha parlato della sua famiglia. Il cantante ha ricordato di non essersi mai sposato ma di aver avuto due figli con Marianna Morandi, figlia del cantante Gianni Morandi. Adesso Antonacci sta con la sua nuova compagna Paola Cardinale. Antonacci ha spiegato di essere a favore delle unioni civili e delle famiglia omosessuali: “Se un bambino va a scuola ed è felice, chi se ne frega se ha due padri o due madri? Il problema ce lo dobbiamo porre quando i bambini sono infelici”. Il cantante ha confessato di sentirsi padre di Benedetta, la figlia della sua attuale compagna Paola Cardinale: “Da 12 anni vivo con Benedetta, la fi­glia di Paola. Ti hanno detto che papà vuol dire che quel ­figlio l’hai fatto tu, quindi io so che non sono suo padre, anche se per lei ho avuto l’amore e le attenzioni di ogni papà. E poi quando ci raggiungono anche i miei ­figli – Paolo ha 20 anni e Giovanni 15 – siamo semplicemente una famiglia, e loro sono fratelli, anche se non si chiamano così e anche se non hanno un legame di sangue. A loro non è mai importato niente, non hanno mai avuto bisogno di dare un nome al rapporto: per i bambini le cose sono intuitive”. Biagio Antonacci ha anche parlato del rapporto con la sua ex compagna Marianna Morandi: “Abbiamo sempre tenuto due punti fermi: mettere i fi­gli al centro, preservandoli, e cercare di essere sereni anche nella separazione. La stima reciproca tra ex compagni è fondamentale, perché si porta dietro la ­fiducia: Marianna sa che non avrei mai esposto i nostri ­figli a persone non per bene, e io so lo stesso di lei. Se ci fosse stata della gelosia tra di noi sarebbe stato complicato, ma non c’è stata: lasciare liberi è un gesto d’amore che ti torna indietro. A me è successo, e adesso i nostri ­gli sanno accogliere tutti senza diffidenza”.

About Lullaby